Notizie flash

Recensione: Il Castello dei Pirenei di Andrea Tanda

Copertina
Due ex fidanzati si rincontrano a distanza di trent´anni e decidono di colmare il lungo silenzio che esplose tra loro iniziando una corrispondenza via e-mail.
Stein è un climatologo, professore all´università e rappresenta la parte razionale e scettica,
Solrun invece, professoressa di lingue straniere, ha una forte fede intrisa di elementi spiritualistici.
Dalle loro divergenze nel modo di interpretare la vita nasce dunque una ricca dissertazione filosofica e scientifica, che prenderà buona parte del libro.
Ma c´è un inquietante alone di mistero che li avvolge: perché i due protagonisti si lasciarono e non vollero più parlarsi, né vedersi, per così tanto tempo? La motivazione non è banale e non dipende da un semplice capriccio amoroso di uno dei due. Il romanzo, sempre sotto forma epistolare, diventa quindi un giallo. Al contempo viene analizzato sempre più nel dettaglio il loro rapporto, riportandoci a quando erano una giovane coppia e riuscivano a condividere, quasi in maniera trascendentale, ogni attimo e pensiero della loro vita.

Amore, religione, scienza, mistero: sono diversi i temi affrontati in questo romanzo dallo scrittore, filosofo e teologo norvegese Jostein Gaarder, il quale sembra quasi costringere il lettore ad una scelta: siamo più Stein o Solrun?


Andrea Tanda
Joomla templates by a4joomla