Notizie flash

Accuse di antisemitismo

Jostein Gaarder pubblicò nell'agosto 2006 l'articolo "Il popolo eletto da Dio" presso uno dei principali quotidiani norvegesi, l'Aftenposten.
L'articolo fu scritto in relazione alla guerra del Libano del 2006 e condannava alcuni aspetti della politica Israeliana e del Giudaismo; oltre a ciò lo scrittore norvegese si schierò contro il riconoscimento dello stato di Israele nella sua forma attuale.
L'articolo venne accusato di essere promotore di concetti antisemiti, in particolare nella descrizione del Giudaismo come "un'antica religione di un popolo in guerra", contrapponendola all'idea "Cristiana" che "il regno di Dio è nella compassione e nel perdono".
Gaarder si è difeso dalle accuse di antisemitismo, e ha cercato di chiarire che lui non voleva offendere nessuno. Sostenne, infatti, che egli scrisse l'articolo in uno stato di indignazione morale per il numero di morti in Libano. Queste sue dichiarazioni, come l'articolo stesso, suscitarono comunque reazioni discordanti.

L' attacco a Gaarder: Mona Levin ha detto: " Jostein Gaarder ha contribuito a legittimare l'odio degli ebrei con la leggendaria "caratteristica" popolo eletto da Dio ".


L'articolo tratto da "Corriere della Sera"

Articolo tratto da:  Aftenpolten

 

Joomla templates by a4joomla